Come evitare l’alito cattivo?

Evitare l’alito cattivo: come fare?

Evitare l’alito cattivo è più facile di quanto si pensi. In questo articolo ti vogliamo offrire dei suggerimenti che ti aiuteranno a eliminare o ridurre significativamente il problema dell’alito cattivo. Questo problema può nascere direttamente in bocca, o per disturbi legati all’apparato digerente, oppure può essere anche causa diretta di malattie dentali.

  • Lavarsi i denti e usare il filo interdentale due volte al giorno, soprattutto dopo i pasti che contengono cibo e spezie noti per causare l’alito cattivo. Ricordate di spazzolare la lingua, o provare a utilizzare un raschietto apposito, per rimuovere qualsiasi traccia di cibo intrappolato. Terminate la spazzolatura risciacquando accuratamente con acqua o collutorio.
  • Fate visite regolari dal vostro dentista (ogni sei mesi o come indicato dal vostro dentista stesso) per fare un esame completo dei vostri denti, delle gengive e per una pulizia accurata.
    Una visita dal dentista è fondamentale per prevenire l'alito cattivo

    Una visita dal dentista è fondamentale per prevenire l’alito cattivo

    Tale problema può infatti accentuarsi, se si soffre già di problemi dentali come carie, ascessi gengivali o bruxismo.

  • Un’altra soluzione che può esserti utile è quella di masticare prezzemolo dopo un pasto. Il prezzemolo contiene infatti la clorofilla, nota per le sue proprietà rinfrescanti.
  • Potete anche mettere qualche goccia di olio dell’albero del tea o di olio di menta piperita sulla lingua o sul vostro spazzolino da denti con il dentifricio. In alternativa, selezionare un dentifricio che contiene questi oli naturali noti per le loro proprietà antibatteriche per aiutare nella lotta contro i batteri che causano alitosi.
  • Evitare cibi che causano l’alito cattivo come l’aglio, cipolle, cavoli, alcune spezie e caffè.
  • Evitare l’alito cattivo causato dal fumo non è facile, sarebbe meglio adottare le misure necessarie per smettere di fumare, in quanto questo è l’unico modo per eliminare l’alito cattivo dall’uso di sigarette.
  • Una bocca secca, noto anche come xerostomia, è un fattore importante quando si tratta di alito cattivo. Sorseggiare acqua durante il giorno e durante i pasti. Masticare una gomma senza zucchero o sciogliere una caramella senza zucchero lentamente in bocca permette di favorire la produzione di un quantità maggiore di saliva.
  • L’uso di gomme senza zucchero, o spray specifici può aumentare il flusso di saliva in bocca necessario per mantenerla pulita per tutta la giornata, oltre ad aggiungere una gradevole aroma di menta al posto del vostro alito cattivo. Tenete a mente che anche se questi prodotti sono utili per rinfrescare il respiro, gli effetti sono generalmente temporanei. Se si utilizzano spray rinfrescanti su base regolare, preferitene uno che uno che contiene xilitolo tra gli ingredienti. Mentre vanno evitati tutti i prodotti che contengono zucchero per prevenire l’accumulo di placca.
  • Anche l’utilizzo occasionale di una miscela composta da perossido di idrogeno 50% e il 50% di acqua, come un risciacquo bocca può essere molto utile. Il perossido di idrogeno contribuirà infatti ad uccidere i batteri che causano l’alito cattivo.
  • Infine puoi anche provare ad utilizzare kit specifici per rinfrescare l’alito, esistono diverse soluzioni che vengono commercializzate e aiutano a prevenire l’alito cattivo. Tuttavia vi consigliamo di chiedere consigli più specifici al vostro dentista o al farmacista di fiducia prima di investire per l’acquisto di questi prodotti. Essi sapranno infatti consigliarti al meglio in base alle tue necessità.

E se non si riesce a trovare un modo per evitare l’alito cattivo?

Se ti sei impegnato ad adottare e seguire con attenzione tutti questi accorgimenti ma il problema dell’alito cattivo persiste, è meglio che tu decida di mettere da parte la tua paura del dentista, rivolgendoti a un esperto, in quanto ci può essere una causa più grave che causa questa sindrome piuttosto fastidiosa.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *